Linerless, etichettatura amica dell’ambiente

265

L’ultima frontiera dell’evoluzione tecnologica nel campo dei sistemi di etichettatura si chiama “linerless”. I suoi obiettivi principali sono il rispetto per l’ambiente (nessuno scarto del liner di supporto), la maggiore efficienza  produttiva (una bobina può contenere anche più del doppio delle etichette presenti su una bobina tradizionale), i costi inferiori per materiale e logistica (trasporto e magazzino), la velocità di applicazione, la precisione di etichettatura. Questa tecnologia trova impiego in moltissimi settori, tra cui food & beverage, ed è adatta a contenitori sia trasparenti sia opachi.

Alta tecnologia ma impatto zero

ALS Packaging è pioniera in questo settore, e continua lo sviluppo della tecnologia linerless per etichettatura. L’etichetta ricavata da materiale adesivo continuo privo di supporto siliconato (difficilmente riciclabile) è amica dell’ambiente, e di facile smaltimento. Questo tipo di etichettatura offre considerevoli vantaggi economici: da un minor costo per etichetta a una maggiore autonomia di funzionamento. Potendo disporre di oltre il doppio di etichette rispetto a una bobina di pari diametro di materiale autoadesivo (etichetta + supporto siliconato), è possibile incrementare la produttività grazie a una evidente riduzione dei fermi macchina necessari per la sostituzione della bobina esaurita. Inoltre una bobina di nastro linerless costa meno di una bobina di etichette di plastica. Ma i motivi per cambiare sono anche etici, e non solo prettamente economici. E’ importante adeguarsi alle nuove e sempre più sentite esigenze comuni di tutela e rispetto dell’ambiente, implementando nelle proprie aziende sistemi produttivi che siano sempre più ecocompatibili e, per quanto possibile, a impatto zero.

L’etichettatrice linerless RSS tratta materiali con larghezza banda 75 mm. Ma ALS sta progettando anche la versione 120 mm

Etichettatrici accessibili a bassa manutenzione

La nuova proposta di ALS Packaging si basa sul modello RSS 072 della serie TP, una macchina di nuova concezione nata dall’esperienza dei precedenti modelli. “In questo caso abbiamo puntato sulla progettazione di nuova versione semplice da usare”, spiega Goffredo Ruffini, socio e amministratore ALS, “con una manutenzione ridotta all’essenziale e una componentistica di facile accessibilità”. Il sistema applica etichette adesive sia decorative sia funzionali richiudibili come il salva freschezza. In versione neutra sono ottenute da una bobina in continuo e tagliate a misura per una lunghezza predefinita (trasparente o colorata, colorata e con scritte in continuo). Le etichette con disegni, indicazioni o loghi, invece, sono tagliate con passo stampa. La precisione è garantita dalla presenza di un lettore a fibra ottica in corrispondenza di un riferimento di colore. Dimensionalmente, l’etichetta può essere rettangolare o quadrata, con gli angoli retti. Invece con il bordo trasparente può assumere le più svariate forme date dalla stampa. “La nostra macchina può essere usata su varie tipologie di prodotti alimentari”, prosegue Ruffini, “tra cui confezioni di caffè, riso, pasta, piadine, biscotti, torte o formaggi. E’ una etichettatrice molto flessibile, perché l’abbiamo realizzata per prestarsi all’impiego in diverse funzioni: dall’apri e chiudi ai sigilli di garanzia, garantendo sempre il prodotto confezionato da eventuali effrazioni”.

Il linerless riduce gli imballaggi

Attualmente l’etichettatrice linerless RSS tratta materiali con larghezza banda di 75 mm, ma è in progettazione anche la versione  120 mm con cadenze fino a 100 pezzi/min. La gestione elettrica è realizzata tramite consolle di comando con schede elettroniche dedicate e display di facile uso per l’operatore. ALS ha usato componentistica pneumatica ed elettrica di primaria fascia qualitativa.

Zoom sulla linerless RSS 072, proposta da ALS senza supporto siliconato

E sia le etichette sia l’etichettatura linerless sono il risultato di un grande impegno volto all’innovazione. Inoltre nella progettazione l’azienda ha seguito il proprio “istinto ecologico”, che la porta a rispettare l’ambiente e a seguire le iniziative volte alla diminuzione dell’impatto ambientale, come la riduzione degli imballaggi prevista dalla UE al fine di ridurre le discariche. Il sistema di etichettatura RSS è in uso dal 1999, e a oggi può vantare referenze per centinaia di macchine in uso in molte parti del mondo tramite fornitura ai maggiori costruttori italiani di impianti per il confezionamento di pasta, riso e caffè.

Particolare dell’etichettatrice linerless RSS 072 della serie TP, prodotta da ALS

Oltre ai costruttori, ALS è in grado di fornire le sue etichettatrici direttamente all’utente finale, eseguendo uno studio d’inserimento dedicato alle confezionatrici già in attività, trovando lo spazio e la soluzione ideali per poter disporre l’uso di un sistema linerless efficiente. L’applicazione dell’etichetta può avvenire direttamente sul prodotto finito confezionato, ma anche sul materiale (film) che andrà a formare la confezione finale.

 I motivi per scegliere linerless

L’etichettatura linerless rispetta l’ambiente, evitando l’uso del supporto di carta siliconata, molto inquinante. Inoltre:

– annulla i costi di conversione della carta in etichetta fustellata,

– riduce il costo rispetto alle etichette adesive tradizionali,

– elimina la produzione di scarti e rifiuti,

– consente di lavorare con fasce di larghezza superiori,

– abbatte i fermi macchina quindi aumenta la produttività,

– consente di modificare la lunghezza dell’etichetta senza cambiare bobina,

– riduce i formati etichetta a magazzino.

 

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here