Microincapsulamento mediante spray drying

458

La microincapsulazione è una tecnica in cui un agente di rivestimento racchiude piccole particelle (solide, liquide o gassose) al fine di proteggere una molecola di interesse da avverse condizioni ambientali, oppure per mascherare il sapore di composti da addizionare ad alimenti o ad altre formulazioni. Tra le tecniche di microincapsulazione, lo spray drying è tra le più comuni ed industrialmente interessanti, caratterizzata da costi contenuti e dall’assenza di solventi organici nel prodotto finale. In questo lavoro è stata studiata la microincapsulazione di polifenoli estratti da sansa di olive (cultivar Taggiasca) al fine di aumentarne la biodisponibilità in eventuali formulazioni alimentari. L’estratto è stato incapsulato utilizzando maltodestrine come agente di rivestimento, mentre i test sono stati effettuati variando la temperature di esercizio (nell’intervallo compreso tra 120 e 160°C) e la concentrazione di maltodestrine (nell’intervallo compreso tra 10 e 50% m/v). Per ogni campione, sono stati valutati contenuto di umidità, concentrazione di polifenoli totali, percentuale di polifenoli superficiali e potere antiossidante. Gli autori evidenziano che una temperatura di esercizio pari a 130°C costituisce un buon compromesso tra la quantità di polifenoli incapsulata, il mantenimento del potere antiossidante ed una limitata presenza di polifenoli sulla superficie delle capsule (e, quindi, esposti all’ambiente esterno). Infine, la percentuale di maltodestrine che ha fornito i migliori risultati è pari al 10% m/v e, pertanto, questa concentrazione sarà utilizzata per ulteriori approfondimenti sull’utilizzo delle microcapsule così ottenute.

Bibliografia

M. Paini et al., Convegno GRICU 2012, Montesilvano (PE), 16-19 Settembre 2012, pag. 125-128

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here