FDA costretta ad indicare tempi certi per l’aggiornamento della normativa sulla sicurezza alimentare

222

Un giudice federale californiano ha condannato FDA per aver violato la normativa federale. L’agenzia infatti non ha indicato con certezza i tempi di approvazione ed implementazione delle nuove norme sulla sicurezza alimentare. Lo stesso giudice ha imposto che FDA sia affiancata da due gruppi di interesse pubblico; insieme dovranno stabilire la tabella di marcia degli aggiornamenti legislativi in funzione di quanto previsto dal Food Safety Modernization Act. La norma entrata in vigore nel 2011 intende modernizzare l’impianto legislativo sulla sicurezza alimentare, introducendo controlli specifici e dando ad FDA più poteri volti a prevenire i rischi legati al consumo di alimenti.  FDA deve legiferare su sette diversi temi e gli aggiornamenti avrebbero dovuto entrare in vigore entro il 4 luglio 2012. Così non è stato e due associazioni no profit, il Center for Food Safety ed il Center for Environmental Health, nell’ agosto del 2012 avevano denunciato FDA per non aver rispettato i termini. FDA aveva risposto di aver lavorato secondo due diligence, di aver selezionato 4 priorità e di aver sottoposto gli aggiornamenti delle norme all’ Office of Management and Budget già nel 2011. Ha inoltre sostenuto che il termine del luglio 2012 era impossibile da rispettare a causa della complessità e della ampiezza degli argomenti di trattare.  Secondo il giudice, il Congresso ha inserito una data entro la quale legiferare perchè i provvedimenti avevano carattere di urgenza. In aula gli avvocati delle due associazioni denuncianti hanno mostrato dei grafici sulle epidemie verificatesi dopo il luglio 2012 ed hanno esplicitamente attribuito le cause alla mancata elaborazione delle nuove norme da parte di FDA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here