Bioplastica derivante da noccioli di avocado

275

0301084Uno studente messicano, Scott Mungia, dell’Istituto Tecnologico degli Studi del Messico (ITESM), ha sviluppato un nuovo modo per produrre plastica partendo dai noccioli di avocado. La nuova bioplastica è un materiale che si biodegrada molto più velocemente rispetto alle plastiche normali, cioè quelle che provengono da idrocarburi come il petrolio o il gas naturale. Questo materiale biodegrada infatti in circa 240 giorni, a seconda del contenuto microbico dell’aria dove viene gettato. Biofase, brevettata dal giovane messicano, ha però due caratteristiche principali: è ottenuta da fonti vegetali ed è biodegradabile ma al tempo stesso agisce come qualsiasi altro tipo di plastica, possedendo le stesse caratteristiche. Biofase, la bioplastica derivata da semi di avocado, è in trattative con i supermercati messicani che cercano di usare la resina nelle loro borse e con le società produttrici di fertilizzanti interessati ad utilizzare il prodotto nel loro imballaggio di plastica.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here