L’Unione Europea lavora sull’etichetta degli alimenti contenenti probiotici

341

Reading a nutritional facts on cookies packaging. Close-up.
Dal 2012 la normativa UE vieta di evidenziare la presenza di probiotici sulle confezioni o nelle pubblicità di un prodotto alimentare. Inoltre, dato che gli effetti di queste sostanze sono ceppo-specifici, per evidenziarli sull’etichetta bisognerebbe ottenere un’autorizzazione da parte dell’Efsa. Assolatte, l’Associazione Italiana Lattiero Casearia, sottolinea che questo paradosso limita gli investimenti in ricerca, frena l’innovazione di prodotto e impedisce una corretta informazione ai consumatori. Basti pensare che secondo i dati Euromonitor il mercato di questi alimenti è cresciuto negli Usa, in America Latina, in Asia e Medio Oriente mentre nel Vecchio Continente è calato dell’8%. L’associazione ha quindi deciso di presentare un dossier alle istituzioni di Bruxelles per avviare una soluzione comunitaria dei termini “batteri probiotici”. Le “linee guida sui probiotici” che l’Italia ha adottato nel 2000, sono considerate positive e stanno servendo da modello per l’Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here