Screening di ceppi di Escherichia coli produttori di tossine in carne bovina macinata

448

FTX068HI ceppi di Escherichia coli produttori delle cosiddette Shiga tossine (STEC) sono batteri patogeni che possono essere trasmessi all’uomo attraverso il consumo di alimenti o acqua contaminata. Il bovino e altri ruminanti sono considerati il principale serbatoio. Molti alimenti possono essere contaminati da STEC e rappresentare un rischio per la salute del consumatore. Si rende, pertanto, necessario lo sviluppo di metodi di screening veloci ed affidabili per la ricerca di questi patogeni. In uno studio recente, effettuato da un gruppo di ricercatori italiani (Boccia et al., 2015), viene proposto l’utilizzo di un kit di PCR real-time per determinare la presenza di STEC in carne bovina macinata ed artificialmente contaminata, confrontando i risultati con quelli forniti dal metodo standard comunemente utilizzato dall’USDA FSIS (United States Department of Agricolture – Food Safety and Inspection Service). In particolare, oltre 100 campioni sono stati contaminati con livelli di STEC nell’intervallo compreso tra 4 e 19 CFU. Tutti i campioni artificialmente contaminati e sottoposti ad arricchimento sono risultati positivi allo screening di STEC con entrambi i metodi. Il solo arricchimento del campione per 12 h è risultato sufficiente ad individuare livelli anche molto bassi di STEC (meno di 0.1 CFU/g). I valori dei Cicli di Threshold (CT) del kit e del metodo convenzionale non sono sovrapponibili per ogni campione, probabilmente a causa della presenza di un elevato livello di microflora batterica naturalmente presente nei campioni analizzati (circa 4000 CFU/g), di piccole differenze di livello di inoculo e dello stress termico a 4°C al quale sono stati sottoposti i campioni. Non è stata, comunque, evidenziata alcuna differenza significativa tra i valori di CT ottenuti dai metodi, che offrono, pertanto, prestazioni molto simili. Da ogni campione positivo tre colonie sospette sono state isolate e confermate con successo tramite PCR real-time, escludendo ogni possibilità di risultati falsi positivi. Nonostante rimanga necessario l’isolamento di STEC per considerare il campione positivo, i risultati di questo lavoro indicano che il kit testato può essere considerato una valida alternativa per lo screening di STEC in campioni di carne bovina macinata.

Riferimenti bibliografici

Boccia et al., Italian Journal of Food Safety, 4, 2015, 14

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here