Valorizzazione di alimenti, rifiuti o sottoprodotti alimentari mediante valutazione sensoriale ed analisi dei composti volatili

62

Il lavoro svolto riguarda la valorizzazione, mediante caratterizzazione, di prodotti alimentari (olio di oliva vergine, fave, salami, formaggi tipo primosale, prosciutto cotto), rifiuti (pellicola argentea del caffè) e sottoprodotti (sottoprodotti della lavorazione del pomodoro, bucce e semi), attraverso la loro valutazione sensoriale, sia mediante l’utilizzo di un panel di giudici addestrati, sia mediante l’intervista ai consumatori, e/o l’analisi dei composti volatili. La caratterizzazione sensoriale e chimica (composti volatili) dei prodotti alimentari e sottoprodotti considerati, rappresenta, quindi, il filo conduttore utilizzato per studiare tutti i campioni oggetto di questo progetto di dottorato.

Conclusioni. I risultati di questo studio hanno evidenziato quanto potrebbe essere rilevante un approccio combinato dell’uso di dati sensoriali e chimici (composti volatili) per un’analisi combinata/congiunta quale strumento importante per la valorizzazione e la comunicazione delle caratteristiche della qualità dei prodotti. Inoltre, questo approccio combinato può essere utilizzato per caratterizzare nuovi prodotti, studiati e realizzati utilizzando rifiuti alimentari o sottoprodotti, quale, ad esempio, un olio di oliva naturalmente arricchito in licopene (Bendini A et al., 2015, Int. J Food Sci Nutr. 66: 371-377).

Riferimenti. PhD Federica Tesini, tutor Prof. Tullia Gallina Toschi – Università di Bologna, sede di Cesena

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here