Più anidride carbonica in atmosfera, meno proteine negli alimenti

55

Secondo uno studio pubblicato sull’Environmental Health Perspectives dai ricercatori della Chan School of Public Health dell’Università di Harvard ci sarebbe una correlazione inversa tra quantità di anidride carbonica nell’atmosfera e l’impoverimento proteico di molte piante tra le quali il grano, l’avena, il riso, le patate e l’orzo.

Dagli studi condotti dagli scienziati è emerso che se non si correrà ai ripari, entro il 2050 gli abitanti di almeno 18 paesi avranno una diminuzione dell’apporto proteico del 5%, a cui corrisponderanno significativi effetti sulla salute.

L’anidride carbonica a livelli elevati come quelli attuali infatti comporterà un drastico abbassamento della concentrazione di proteine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here