Fibre ricavate da sottoprodotti delle lavorazioni alimentari

1688

Un recente studio esamina la composizione e le caratteristiche chimico-fisiche dei sottoprodotti delle lavorazioni alimentari, ricchi di fibre, valutandone il possibile impiego come ingredienti ad alto valore aggiunto.

Lo studio ha valutato il tegumento dell’avena, la bagassa di canna da zucchero, i baccelli dei piselli, le bucce di patata, i residui di lavorazione di frutti di bosco, uva e mele. Il loro componente principale è la fibra, in base alle tipologie ed alle lavorazioni subite gli altri componenti sono umidità (3,84% – 14,93%), proteine (0% – 12,46%), grassi (0,04% – 8,67%), zuccheri (0,90% – 34,98%).

Le categorie di sottoprodotti di minori dimensioni hanno concentrazioni di umidità, proteine, ceneri e fibre solubili maggiori rispetto ai sottoprodotti più grandi, caratterizzate prevalentemente da zuccheri e fibre insolubili. Tale caratterizzazione della composizione ha consentito di raggruppare i sottoprodotti in base alle loro possibili funzioni, in particolare come fonti di grassi, proteine, zucchero e fibre insolubili, addensanti, leganti, emulsionanti.

Questi dati permetteranno agli esperti in ricerca e sviluppo si fare scelte più rapide e mirate e favoriranno l’impiego industriale dei suddetti sottoprodotti, diminuendo lo spreco alimentare.

2 COMMENTI

    • Buongiorno finalmente sono riuscito a trovare i riferimenti dello studio come da sua richiesta.
      Distinti saluti
      Redazione

      Journal of Food Science
      Food Engineering, Materials Science, & Nanotechnology
      Composition and Physicochemical Characterization of Fiber‐Rich Food Processing Byproducts
      Maria Dian Pratiwi Masli
      Barbara A. Rasco
      Girish M. Ganjyal
      First published: 10 March 2018
      https://doi.org/10.1111/1750-3841.14081

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here