Analisi dell’immagine in risonanza magnetica per monitorare il processo di produzione del prosciutto di Parma

2107

Nel presente lavoro sono stati sviluppati protocolli per l’applicazione dell’analisi dell’immagine in risonanza magnetica (MRI) durante la produzione del prosciutto di Parma. Tale analisi è stata effettuata durante i differenti stadi del processo per determinare gli intervalli delle variazioni (dovute alla disidratazione ed all’assorbimento del sale) dei cosiddetti tempi di rilassamento (T1 e T2 ) in punti rappresentativi dei tessuti del prodotto. In questo modo sono state ottenute mappe MRI delle diverse sezioni del prosciutto e sono stati calcolati i valori medi di T1 e di T2 in selezionate regioni di interesse (ROI) all’interno dei muscoli Semimembranosus, Semitendinosus e Biceps femoris. Lo studio ha permesso di sviluppare un modello matematico, utilizzando come parametri T1 ed il rapporto T1/T2 , in grado di predire, con buona approssimazione (R2 = 0.90, P < 0.05), il contenuto di sale nei punti ROI del prosciutto. Inoltre, i risultati dimostrano che attraverso l’applicazione delle sequenze STIR (Short Time Inversion Recovery) è possibile ottenere, nel caso di prodotti freschi ad alto contenuto di umidità, un’immagine lucida evidenziante una separazione chiara tra il tessuto magro e quello grasso, utilizzabile per la loro quantificazione. Infine, gli autori evidenziano che l’applicazione della tecnologia MRI e lo sviluppo di adatti protocolli analitici possono fornire, in modo non distruttivo, informazioni oggettive sulla distribuzione dell’umidità e del sale in un prodotto di carne complesso come il prosciutto di Parma.

Bibliografia
P. Fantazzini et al., Meat Science, 82, 2009, 219-227