Effetto della combinazione di additivi naturali sulle principali caratteristiche qualitative di carne di maiale

1937

19283In questo lavoro sono stati investigati gli effetti dell’addizione di oleoresina (estratta da aneto, basilico, aglio, cipolla o rosmarino) e di α-tocoferolo, utilizzati singolarmente od in combinazione, sull’ossidazione dei lipidi, sul colore e sullo sviluppo di cattivi odori di carne di maiale. In particolare, i campioni sono stati addizionati, confezionati in sacchetti di plastica permeabili all’ossigeno e sottoposti ad irraggiamento a 2.5 kGy. A questo punto, la carne è stata in parte conservata a 4°C per 10 giorni, in parte cotta a 176°C e stoccata a 4°C per 3 giorni. La combinazione di oleoresina estratta da rosmarino e di α-tocoferolo addizionati, rispettivamente, allo 0.05 ed allo 0.02% si è dimostrata la più efficace nel ridurre l’ossidazione dei lipidi e la quantità di aldeidi volatili in entrambe le tipologie di prodotto. Tuttavia, la produzione dei composti solforosi, responsabili dello sviluppo dei cattivi odori nei prodotti sottoposti ad irraggiamento, non è risultata influenzata dall’utilizzo dei due antiossidanti. In una seconda sperimentazione, le combinazioni degli additivi che hanno dato i risultati migliori (oleoresina estratta da cipolla/α-tocoferolo ed oleoresina estratta da rosmarino/α-tocoferolo) sono state testate su campioni preparati come nella prima serie di test, ma mantenuti in un doppio confezionamento. I risultati evidenziano che il mantenimento della carne (addizionata con entrambi gli antiossidanti) in condizioni aerobiche in un primo confezionamento per 3 giorni, seguito dallo stoccaggio del prodotto così confezionato in un secondo sistema sottovuoto è in grado di abbattere in modo significativo la produzione dei composti volatili solforosi.

Bibliografia
K.C. Nam et al., Meat Science, 75, 2007, 61-70