Energia dagli scarti di allevamento e macellazione

2120

Immagine

Quasi 900kW di potenza elettrica sono stati ottenuti riutilizzando scarti di allevamento e sottoprodotti della macellazione. Questo risultato è stato raggiunto
presso lo stabilimento produttivo della Cooperativa Clai, in provincia di Bologna, dove è stato installato un nuovo impianto di digestione anaerobica, sviluppato dalla ditta Austep. L’impianto produce metano utilizzando diverse fonti: liquami di un allevamento di suini adiacente allo stabilimento, sottoprodotti della macellazione di suini e bovini, e produzioni agronomiche della cooperativa stessa. Il biogas viene generato tramite la degradazione di questa biomassa da parte di microorganismi a temperatura di 50-55°C e viene poi utilizzato per alimentare un impianto di cogenerazione. Si ottengono così sia energia elettrica che calore. Nei primi 8 mesi di utilizzo, il sistema ha raggiunto una capacità produttiva sufficiente a soddisfare le esigenze energetiche del salumificio adiacente l’impianto produttivo. Su queste basi, l’azienda agricola si attende un rientro dell’investimento entro 6-7 anni.