Olio d’alga ricco di DHA e EPA, approvato l’uso negli integratori alimentari

2799

Algae under microscopic viewIl gruppo di esperti Efsa dei prodotti dietetici, alimentazione e allergie (NDA) ha espresso il suo parere positivo sull’estensione d’uso dell’olio ricco in acidi grassi omega-3 (acido docosaesaenoico -DHA ed eicopentaenoico- EPA) derivante dalla microalga Schizochytrium spp anche negli integratori alimentari, oltre che nei prodotti alimentari (Regolamento 258/97/CE). Il dubbio sollevato dalla Commissione Europea era che l’estensione dell’uso negli integratori alimentari potesse portare a un’assunzione eccessiva, superiore alla dose massima tollerabile (5 g/die), e non sicura, nelle persone che utilizzano alimenti arricchiti con acidi grassi omega-3. In base ai dati disponibili Efsa ha concluso che l’estensione d’uso negli integratori alimentari dell’olio di alga Schizochytrium fino a un dosaggio pari a 3g/die difficilmente contribuisce a superare l’apporto massimo tollerabile, inoltre ha escluso, in base ai risultati di uno studio a 90 giorni su modello animale, il ruolo degli acidi grassi EPA e DHA nello sviluppo di cancro alla prostata. L’estensione d’uso negli integratori è approvata solo nei soggetti adulti, escludendo le donne in gravidanze e allattamento.