Consumo di funghi: un aiuto dalla tradizione cinese

1583

00148044Sono ormai moltissimi gli studi scientifici che dimostrano ciò che la medicina tradizionale orientale, in particolare quella cinese, conosce da millenni; e cioè che diversi funghi hanno importanti proprietà immunostimolanti e permettono, quindi, di incrementare naturalmente la resistenza alle malattie o di farvi fronte con maggior efficacia. Lo Shiitake (Lentinus edodes) ad esempio, è un fungo da tempo studiato nelle università di tutto il mondo perché alcune sue componenti sono risultate efficaci nel trattamento di alcuni tumori (leucemie e cancro al seno), nella riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue, nella stimolazione del sistema immunitario e in particolare contro i virus. In particolare, uno studio condotto dall’Università Weihenstephan descrive gli effetti rinomati di Shiitake, il quale è dotato di straordinarie qualità extra-nutrizionali, oltre a un grande sapore e un discreto apporto calorico dovuto alla quantità di proteine presenti (296 kcal/1238 kJ per 100 gr di prodotto secco). Non a caso appartiene alla tradizione culinaria orientale, che da sempre associa al piacere del palato una funzione curativa del cibo: durante la dinastia Ming fu definito “elisir di lunga vita”.