Al via l’etichettatura d’origine per le carni

1892

rinderhälften im kühlhausDal 1° aprile prende il via l’etichettatura d’origine delle carni fresche. Il 17 dicembre 2013, infatti, la Comunità europea ha adottato una norma d’attuazione del Regolamento 1169/2011 (relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori) che fissa le regole per l’indicazione del Paese o luogo di provenienza delle carni fresche, refrigerate e congelate di suino, ovi-caprino e di pollame. “Accogliamo con favore la norma perché consentirà ai Consumatori europei di conoscere l’origine e la provenienza delle carni suine” ha affermato il Direttore di Assica, Davide Calderone. “Con questo intervento la comunità pone una serie di regole chiare, uniformi e auspicabilmente stabili per gli operatori del settore. Si tratta di una soluzione che Assica ha sempre appoggiato per evitare di aggiungere solo all’industria nazionale i costi di un’etichettatura obbligatoria, visto che l’etichettatura di origine volontaria è sempre stata possibile” ha continuato Calderone. “Il settore dell’industria di macellazione si augura che l’introduzione dell’indicazione dell’origine delle carni porti ad una maggiore valorizzazione delle carni suine italiane, riconoscendo il contenuto qualitativo della produzione suinicola nazionale. Il suino italiano tradizionale, infatti, viene allevato per fare i prosciutti DOP e ha carni più mature del suino leggero europeo, carni che contengono meno acqua. È questo il tratto distintivo della qualità che dovremo essere capaci di comunicare” ha concluso il Direttore. Nel 2013, secondo i dati ISTAT sono stati macellati in Italia circa 11 milioni di capi suini per un fatturato di circa 2,8 miliardi di euro. Lombardia ed Emilia Romagna sono le Regioni italiane dove si effettuano il maggior numero di macellazioni, circa il 76% del totale, seguite a notevole distanza da Piemonte, Veneto e Umbria. Queste regioni ospitano anche le aziende di maggiori dimensioni.

Fonte Assica