Il consumo di insetti rappresenta un pericolo per la salute umana?

1872

V3041052
In Africa, Asia e America Latina il consumo di insetti fa parte della dieta alimentare di circa due miliardi di persone. Per questo motivo la Fao si è pronunciata a favore del loro allevamento su larga scala, per far fronte alle preoccupazioni sull’approvvigionamento alimentare e sull’apporto proteico. In Europa pare esserci un interesse crescente verso questa pratica, con progetti industriali e di ricerca, nonostante la regolamentazione europea sui Novel Food lasci aperti molti interrogativi e sia in fase di cambiamento. Di fronte a questo contesto, l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha fatto un inventario delle conoscenze scientifiche sui pericoli legati al consumo di insetti e sui potenziali rischi che richiedono ulteriori ricerche, al fine di poter stabilire norme che li riducano. I rischi possono essere chimici (veleni, farmaci veterinari utilizzati nell’allevamento e pesticidi o inquinanti organici presenti nell’alimentazione degli insetti), biologici (parassiti, virus, batteri) e soprattutto allergenici, simili a quelli di crostacei e molluschi, che suggeriscono cautela da parte dei consumatori che hanno una predisposizione alle allergie. Nell’attuale quadro d’incertezza e di mancanza di dati, l’Anses raccomanda di definire a livello comunitario le liste degli insetti che possono essere consumati o no e a quale stadio del loro sviluppo, di valutare la questione del benessere di queste specie di invertebrati, di stabilire regole per l’allevamento e la produzione di insetti, nonché dei loro prodotti, in modo da garantire il controllo dei rischi per la salute. Quello dell’Anses è il secondo parere di un’agenzia europea per la sicurezza alimentare sul problema del consumo degli insetti, dopo quello dell’agenzia belga, riferito a una lista di dieci specie, il cui consumo alimentare è tollerato in Belgio. Anche l’Olanda consente la commercializzazione di alcune specie a uso alimentare mentre il Lussemburgo ha deciso di vietarli.