Composti bioattivi, estrazione di principi attivi dalle bucce di melagranata

1613
Di Fir0002 - Opera propria, GFDL 1.2, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=202664
Di Fir0002 – Opera propria, GFDL 1.2, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=202664

Il frutto del melograno, la melagranata (punica granatum) è uno dei prodotti vegetali più ricchi di principi attivi a base polifenolica (i.e. antocianidine, ellagitannini, ecc.). Questi composti sono di grande interesse grazie alle loro spiccate proprietà antiossidanti, antiinfiammatorie, antitumorali, ecc. Il succo della melagranata è utilizzato commercialmente, ma la possibilità di utilizzare la buccia, molto più ricca di principi attivi del succo stesso, è ancora trascurata. Nel presente lavoro è stato sviluppato un processo per il recupero dei principi presenti nella buccia, valorizzando ai fini commerciali questa preziosa materia. Il processo prevede una fase di estrazione dei principi attivi in acqua distillata ed una fase di separazione mediante membrana eseguito in due stadi di filtrazione successivi, che sono di microfiltrazione e di osmosi inversa. Le analisi chimiche sugli estratti confermano la presenza di un elevato contenuto di sostanze antiossidanti. Concludendo, i dati tecnici raccolti dimostrano che è possibile sviluppare un processo industriale per la produzione di estratti concentrati dalle bucce di melagranata, adatti per la commercializzazione nel comparto nutraceutico.

Bibliografia

M. Pizzichini et al., Ingredienti Alimentari, 14, 2015, 6-11

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here