Composti bioattivi idrofili da fondi di caffè

2168

shutterstock_50619058

Alcuni ricercatori spagnoli e tedeschi hanno pubblicato un lavoro sul Journal Agricultural Food Chemistry riguardante fondi di caffè. Durante la ricerca sono stati valutati i principali composti antiossidanti idrofili e la capacità antiossidante nei fondi di caffè Arabica e Robusta ottenuti con diverse tecniche: l’infusione con filtro, con la macchina per l’espresso, con la moka e l’infusione con stantuffo. Dai risultati ottenuti è emerso che tutti i campioni, tranne quelli ottenuti con la moka, hanno elevati quantitativi di acidi caffeoilchinici totali, soprattutto gli acidi dicaffeoilchinici (3,31-5,79 mg/g di fondo) che sono risultati maggiori di 4-7 volte rispetto al contenuto della tazzina di caffè. La caffeina ha mostrato valori compresi tra 3,59 e 8,09 mg/g di fondo. Le capacità antiossidanti degli estratti acquosi dei fondi di caffè sono state da 46 a 102,3% (filtro), da 59,2 a 85,6% (espresso) e <42% (stantuffo) delle loro rispettive tazzine di caffè. Dal lavoro svolto si è potuto concludere che gli estratti dei fondi di caffè potrebbero essere utilizzati come buone fonti di composti bioattivi idrofili.