Differenziazione tra caffè biologico e convenzionale mediante spettroscopia NMR

146

In uno studio recente, effettuato da un gruppo di ricercatori italiani (Consonni et al., 2018), sono stati analizzati i profili metabolici rilevati mediante spettroscopia NMR (nuclear magnetic resonance) per evidenziare eventuali differenze tra campioni di caffè biologico e campioni di caffè convenzionale.

In particolare, questi ultimi appartengono alla varietà Coffea arabica e sono caratterizzati da differenti origini geografiche. I dati NMR sono stati, quindi, sottoposti ad analisi chemiometrica.

I risultati dimostrano che, attraverso il metodo di classificazione OPLS-DA (Orthogonal Projection to Latent Structures-Discriminant Analysis), è possibile identificare gli acidi grassi, il beta-(1-3)-D-galattopiranoso, il beta-(1-4)-D-mannopiranoso, l’acido chinico ed il suo estere ciclico come i metaboliti caratteristici del caffè biologico.

La trigonellina, gli isomeri degli acidi clorogenici (CGA), la caffeina e l’acetato sono, invece, i metaboliti caratteristici del caffè convenzionale. Inoltre, attraverso l’utilizzo del metodo OSC (Orthogonal Signal Correction), è stato possibile migliorare ulteriormente la differenziazione dei campioni confermando gli acidi grassi, il beta-(1-3)-D-galattopiranoso, l’acido chinico ed il suo estere ciclico come i principali metaboliti caratteristici dal caffè biologico tostato, mentre quello convenzionale risulta particolarmente ricco di trigonellina e di isomeri CGA.

Concludendo, gli autori sostengono che i risultati ottenuti, seppure siano da considerarsi ancora preliminari, sono decisamente promettenti nell’ambito dello sviluppo di uno strumento in grado di differenziare correttamente il caffè in base al metodo di coltivazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here