Tecnologia Hörmann per il polo logistico della Metro in Germania

270

Nel polo logistico della Metro a Marl, località a nord del bacino della Ruhr, le chiusure e i sistemi di carico-scarico sono firmati Hörmann.

17 capannoni, 235.000 m² di superficie (di cui 152.000 dedicati miratamente all’attività logistica) e un magazzino frigorifero di circa 28.000 m²: sono questi gli strabilianti numeri del nuovo polo della Metro a Marl, vale a dire del parco logistico più grande di tutta la Germania. Si tratta di un progetto sfidante, il cui appalto si è aggiudicata nel 2016 l’impresa Goldbeck GmbH.

Committente ed investitore di questa realizzazione – che riunisce il nuovo magazzino centrale di Real e di Metro Cash & Carry in un’unica sede – è stato invece il Gruppo immobiliare Goodman.

Quale partner per la fornitura di porte, portoni e tecnologie di carico-scarico, è stato selezionato per l’importante progetto il Gruppo Hörmann. Nota a livello mondiale e sinonimo di eccellenza nel settore delle chiusure, l’azienda è stata scelta non solo per l’elevata tecnologia delle soluzioni proposte, ma anche per l’ampia gamma di prodotti offerti, tutti integrabili tra loro e personalizzabili. Proprio questa versatilità consente ad Hörmann di proporsi come partner globale, in grado di comprendere e incontrare le esigenze del cliente, in contesti complessi come quello della Metro a Marl, per tutto quel che concerne i sistemi di chiusura e di carico/scarico di un polo logistico.

“Hörmann ci ha fornito una gamma di soluzioni estremamente diversificata, in tempistiche da record” – ha spiegato Timo Rogg, costruttore responsabile presso Goldbeck.

Per la realizzazione del centro logistico della Metro, il Gruppo Hörmann ha dimostrato concretamente efficienza, tempestività e flessibilità: i primi 40 portoni sezionali industriali (parte dei 407 totali previsti), le pedane di carico, i tamponi respingenti e i boccaporti prefabbricati dovevano infatti essere pronti subito dopo la stipula del contratto, per essere consegnati e montati a Marl.

“Per l’intera fornitura, abbiamo avuto un unico referente all’interno dell’azienda Hörmann; questo ha semplificato notevolmente la comunicazione e la buona riuscita dei lavori” – ha puntualizzato Timo Rogg.

Per seguire questo peculiare ordine – il più importante, numericamente parlando, di tutta la sua storia aziendale – Hörmann ha messo a disposizione per l’intera durata dei lavori un proprio addetto che ha gestito il cantiere direttamente in loco, perché il tutto si svolgesse nel modo più fluido possibile. “Un servizio di questo tipo non è scontato” – ha sottolineato Rogg, che si è trovato a dover gestire fino a 400 consegne effettuate sul cantiere quotidianamente.

Quello di Marl è il centro logistico più grande mai sviluppato da Goodman per il mercato europeo. Gli edifici sono conformi a tutti i più elevati standard e dovrebbero ricevere a breve una certificazione Gold dal Consiglio tedesco per l’edilizia sostenibile Council (DGNB). Anche le porte e i portoni Hörmann presentano una qualità al vertice, garantita anche dal documento EPD (Environmental Product Declaration).

Tra i portoni sezionali industriali proposti da Hörmann, Goldbeck ha optato per 300 portoni SPU F42 a comando manuale. Realizzati in robusto acciaio a doppia parete, nonché estremamente resistenti e ideali per qualsiasi edificio industriale, questi sono caratterizzati da un manto dallo spessore uniforme di 42 mm e dall’anima schiumata in poliuretano espanso rigido privo di Cfc, grazie ai quali sono in grado di assicurare elevate capacità di coibenza termica, raggiungendo un coefficiente U = 0,94 W/m2K.

Per la chiusura esterna della cella frigorifera, sono stati invece utilizzati 107 portoni SPU 67 Thermo – in acciaio a doppia parete, con 67 millimetri di spessore – contraddistinti da prestazioni energetiche ancor più elevate: questa soluzione presenta infatti un valore di trasmittanza termica, pari a 0,62 W/(m²∙K), che viene raggiunto grazie al taglio termico tra lamiera esterna e interna. La moderna tecnologia adottata consente di ridurre al minimo la dispersione di calore attraverso i varchi, migliorando le condizioni di isolamento termico dell’edificio, e allo stesso tempo evita la formazione di acqua e condensa all’interno del portone.

Oltre ai portoni sezionali industriali, Hörmann ha installato a Marl 398 pedane di carico idrauliche con fronte estendibile di tipo HRT che consentono un’estrazione continua e precisa al centimetro del fronte estendibile, così da garantire operazioni di trasbordo merci rapide e sicure, anche in caso di autocarri completamente carichi. Le restanti pedane di carico HTLV presentano invece una fronte estendibile in tre parti, in modo tale che gli autocarri e i furgoni possano essere caricati e scaricati dalla stessa bocca di carico.

Per quanto riguarda poi i 407 boccaporti prefabbricati, la scelta è caduta sul modello LHP, coibentato con pannelli con struttura ‘a sandwich’ a doppia parete. I boccaporti prefabbricati sono una soluzione salvaspazio che viene posizionata davanti all’edificio, in grado di contribuire al risparmio energetico e di rendere utilizzabile l’area interna del capannone completamente, fino alle pareti esterne. Questi prodotti proteggono dagli agenti atmosferici e riducono inoltre la trasmissione di rumore durante le operazioni di trasbordo merci.

A Marl, 42 portoni sezionali industriali sono stati poi utilizzati come cancelli d’ingresso. Anche in questo caso, sono stati scelti portoni in acciaio a doppia parete di tipo SPU F42 e SPU 67 Thermo, con uno spessore di 42 o 67 millimetri.

Per garantire la massima sicurezza in caso d’incendio, il polo logistico della Metro presenta inoltre 58 portoni tagliafuoco scorrevoli ad un battente di tipo FST 90-1. Queste chiusure sono montate tra le singole sezioni del capannone e si chiudono automaticamente in caso d’incendio, trattenendo il fuoco fino a 90 minuti. Le porte antincendio laterali garantiscono una via di fuga alle persone che si trovassero eventualmente all’interno dell’edificio.

Nell’area interna, a temperatura normale, sono stati invece installati 10 portoni a scorrimento rapido di tipo V 5030 SEL. Queste soluzioni sono dotate di profili di resistenza al vento in lamina d’acciaio.

A tutto ciò si aggiungono 3 portoni a scorrimento rapido a risparmio energetico di tipo V 4015 iso L per la cella frigorifera. Per offrire la massima sicurezza nell’attività di impilaggio quotidiano, tutti i portoni a scorrimento rapido Hörmann sono dotati, di serie, di una barriera a raggi infrarossi inserita all’interno del telaio. Questa barriera monitora la superficie sottostante alla costola di chiusura del portone e arresta quest’ultimo se rileva oggetti o persone.

Infine, per il centro logistico di Marl sono state scelte 250 porte Hörmann, tra le quali le porte antincendio T90 e T30 e le porte multiuso in acciaio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here