Valutazione della sicurezza della sostanza bis(2-etilesil)cicloesan-1,4-dicarbossilato per l’uso in materiali a contatto con gli alimenti

361

Il gruppo di esperti scientifici dell’EFSA sui materiali a contatto con gli alimenti, gli enzimi e i coadiuvanti tecnologici (CEP) ha valutato la sicurezza dell’additivo bis(2-etilesile) cicloesan-1,4-dicarbossilato (DEHCH), sostanza a contatto con gli alimenti (FCM) n.1079, destinato a essere utilizzato come plastificante in film di poli(cloruro di vinile) (PVC) a contatto con alimenti acquosi, acidi e a basso contenuto alcolico per la conservazione a lungo termine a temperatura ambiente o inferiore (refrigerati e congelati).

Le pellicole non sono destinate al riscaldamento degli alimenti. Nelle condizioni testate, la sostanza è migrata fino a 0,034 mg/kg da campioni di film in PVC prodotti con 25% p/p DEHCH. Sulla base degli studi di genotossicità in vitro e in vivo riportati, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che la sostanza non desta preoccupazione per la genotossicità. Sulla base dello studio tossicocinetico fornito, il gruppo di esperti scientifici ha concluso che vi è incertezza sul potenziale di accumulo della sostanza nell’uomo.

Negli studi di tossicità a dosi ripetute non sono stati osservati effetti avversi fino alla dose massima testata di 1.000 mg/kg di peso corporeo (bw) al giorno. Tuttavia, questi dati non eliminano l’incertezza sul potenziale di accumulo nell’uomo. Pertanto, il gruppo di esperti scientifici CEP ha concluso che la sostanza bis(2-etilesil)cicloesan-1,4-dicarbossilato non desta preoccupazioni per la sicurezza del consumatore, se utilizzata in poli(cloruro di vinile) (PVC) a contatto con alimenti ai quali sono assegnati i simulanti A (10% di etanolo) e B (3% di acido acetico), per la conservazione a lungo termine a temperatura ambiente o inferiore. La migrazione della sostanza non deve superare 0,050 mg/kg di prodotto alimentare.

Fonte EFSA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here