Effetto della combinazione dell’utilizzo di enzimi e di trattamenti ad alta pressione sulla qualità del pane

1370

L’amido danneggiato e le fibre insolubili (specialmente pentosani insolubili) inibiscono la formazione di un’adeguata rete glutinica negli impasti a base di farina di frumento, riducendone la qualità di panificazione.

Per ovviare a questa problematica, in uno studio recente, effettuato da un gruppo di ricercatori internazionali (Matsushita et al., 2020), è stato sviluppato un nuovo processo di produzione del pane che prevede l’utilizzo combinato di diverse concentrazioni (nell’intervallo 0.00-0.25%) di una formulazione enzimatica (contenente alfa-amilasi ed emicellulasi) con trattamenti ad alta pressione (HP, nell’intervallo 0-100 MPa) degli impasti, prima della fase di cottura.

Per determinare le condizioni ottimali di tale processo, i dati sperimentali sono stati analizzati mediante la metodologia delle superfici di risposta (RSM). I risultati evidenziano che i trattamenti HP aumentano l’attività della formulazione enzimatica (degradazione dell’amido danneggiato e dei pentosani), fornendo impasti con un’adeguata rete glutinica.

È stato, inoltre, osservato che i campioni sottoposti al processo combinato presentano una qualità superiore (maggiori ritenzione del gas e volume specifico, processo di raffermamento più lento, etc.) rispetto a quelli ottenuti utilizzando solamente l’enzima o le HP.

L’applicazione della RSM ha consentito, infine, di determinare che la qualità del pane è massimizzata utilizzando una concentrazione della formulazione pari allo 0.20%, sottoponendo gli impasti ad una
pressione di 43 MPa.

Riferimenti bibliografici
L. Nionelli et al., Food Control, 118, 2020, 107437

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here