Diminuire gli sprechi per ridurre l’impatto ambientale

638

Secondo EPA, ogni anno, negli Stati Uniti si sprecano 152 milioni di tonnellate di cibo, più di un terzo della produzione alimentare del Paese.

Dimezzare gli scarti porterebbe a risparmiare 121 trilioni di litri di acqua, 290 milioni di chili di fertilizzanti, 262 miliardi di chilowattora e 92 milioni di tonnellate equivalenti di anidride carbonica.

Nonostante l’impegno preso dalla prima amministrazione Obama per dimezzare lo spreco entro il 2030, negli ultimi dieci anni lo spreco è aumentato di due punti percentuali, dal 12% al 14%. L’industria alimentare ha avviato progetti autonomi. Unilever ha annunciato di poter raggiungere l’obiettivo nei propri stabilimenti entro il 2025.

Hellmann ha lanciato la campagna di informazione “Make Taste, Not Waste”. Dole azzererà gli scarti di lavorazione della frutta entro il 2025 e utilizza gli scarti delle foglie di ananas per produrre il Piñatex, una eco-pelle biodegradabile utilizzata da centinaia di famosi marchi della moda.

L’azienda ha inoltre lanciato una campagna di comunicazione veicolata tramite i cestini, i sacchetti ed i camion della spazzatura della città di New York. Il progetto è intitolato Malnutrition Labels: Food Waste e trasforma i simboli dei rifiuti in uno strumento a sostegno della riduzione degli sprechi in genere e degli sprechi alimentari in particolare.

Etichettatura errata e contaminazione microbiologica determinano la produzione di 155 mila tonnellate annue di rifiuti alimentari. Per risolvere questo problema le aziende confidano nell’uso di imballaggi intelligenti in grado di informare i consumatori sullo stato di conservazione del cibo, di migliorarne la durabilità e ridurre gli sprechi.

Sono inoltre stati portati alla attenzione del parlamento USA, lo Zero Food Waste Act che sovvenzionerà le imprese che riducono significativamente i loro sprechi alimentari e impostano programmi di riduzione e il Food Donation Improvement Act che facilita la donazione di alimenti da parte delle aziende.