Soluzioni che aumentano l’efficienza e abbattono i costi

72
Metal detector Loma IQ4, esempio della tecnologia Nimax per la ricerca di corpi estranei.

Marcatura industriale, ispezione e controllo, etichettatura e Line Strategy: i sistemi tecnologicamente avanzati proposti da Nimax ottimizzano i risultati e permettono di sfruttare tutti i vantaggi della transizione 4.0.

Le problematiche delle linee produttive alimentari possono trovare risposta nella tecnologia Nimax. Ce ne parla Andrea Noera, direttore vendite end user e key account.

Quali sono i punti critici delle linee produttive alimentari?

I punti da attenzionare sono: il controllo, per escludere la presenza di corpi estranei e garantire l’integrità del prodotto; la procedura di codifica, per assicurare una tracciabilità corretta; la verifica tramite pesatura in linea; l’etichettatura, per una logistica intelligente; il controllo integrato della linea, per evitare errori ed estrapolare i dati strutturati per business unit.

Li definisco punti da attenzionare perché, se gestiti correttamente, danno una marginalità importante tramite un risparmio diretto e una riduzione dei costi nascosti, spesso difficili da calcolare senza le informazioni che sono in possesso solo del produttore della tecnologia. Per dare una risposta concreta a queste esigenze, Nimax in questi anni ha creato tre divisioni: codifica e marcatura, ispezione e controllo, etichettatura. Inoltre ha istituito servizi TestLab e messo a punto Line Strategy, un sistema software e hardware per il controllo della linea di produzione.

Marcatore industriale inkjet Domino Ax550i, progettato per ambienti di produzione difficili. Il grado IP66 assicura protezione da polvere, zuccheri e agenti chimici e garantisce impermeabilità durante i cicli di sanificazione.

Quali sono oggi gli aspetti principali in materia di codifica?

La perfetta leggibilità del dato a occhio umano. Con i lettori ottici è un prerequisito indispensabile per tutti i prodotti, tanto da essere parte integrante del valore che il cliente finale attribuisce al prodotto. Il consumatore vuole leggere con chiarezza la data di scadenza per evitare sprechi alimentari. Inoltre vede come disservizio attendere alla cassa perché il lettore non riconosce il codice a barre, soprattutto oggi che le casse self-service sono così diffuse.

Oggi Nimax propone una gamma completa di sistemi a getto d’inchiostro, laser o trasferimento termico, per una codifica corretta e coerente con l’industria del futuro. Le stampanti a getto d’inchiostro Serie Ax sono un prodotto di punta grazie alla semplicità di installazione, alla testa iPulse che stampa ad alta definizione font a 9 gocce alla velocità di quella a 7, all’interfaccia utente che riduce il margine di errore umano e all’assenza di manutenzione. Gli inchiostri ecologici iPulse aderiscono perfettamente anche ai substrati più sfidanti e sono disponibili in diversi colori o food grade.

La serie Ax è adatta per la stampa su materiali plastici, cartone, lattine, film flessibile plastico o alluminato. Il cabinet IP66 inox Aisi 316, completamente sanificabile, è adatto per ambienti produttivi con alto tasso di umidità e temperature estreme o presenza di zuccheri. I marcatori Thermal Inkjet Gx hanno una testina di stampa molto compatta che facilita l’inserimento anche in linee operative. Il controllo della stampante avviene sia tramite touch panel da 10” sia da web browser. Il protocollo Dynamark, conforme a 21CFR Part 11, gestisce la serializzazione e il track & trace.

Inchiostri a rapida essiccazione a base acqua e solvente, disponibili in vari colori, sono perfetti per supporti porosi e non. I Laser a CO2 o a fibra codificano in modo permanente anche a velocità molto elevate e in aree di stampa molto piccole su un’ampia gamma di materiali come PET, cartone, supporti plastici, laminati e metalli. Effettuano la marcatura di un numero illimitato di linee di testo, con qualunque orientamento, e la stampa di immagini grafiche, codici a barre e 2D anche su superfici curve o concave.

E’ una nuova generazione di laser che offre alte prestazioni anche in ambienti produttivi difficili e ha caratteristiche tecniche che riducono significativamente il TCO. A ottimizzare la procedura di codifica contribuiscono i sistemi di visione serie R, che verificano l’esattezza della codifica, controllano la leggibilità e segnalano tempestivamente eventuali anomalie. Minimizzando gli scarti riducono i costi.

HSC350, selezionatrice ponderale Nemesis della serie C proposta da Nimax per integrare le linee di controllo qualità in uno spazio ridotto.

La ricerca dei corpi estranei è una priorità per le aziende alimentari?

Sì. Per questo nel sito nimax.it vi è un blog di approfondimento sull’argomento. E’ molto seguito dagli addetti ai lavori, che lo considerano uno strumento semplice per rimanere aggiornati, quindi essere competitivi, perché non ci può essere qualità senza sicurezza alimentare.

Un esempio della tecnologia Nimax sono i metal detector IQ4 e i sistemi a raggi X X5, conformi alle norme Haccp, BRC, IFS. I primi permettono di rilevare parti estranee metalliche in prodotti confezionati, pompati in tubazione o a caduta. I secondi segnalano anche altri materiali (vetro, plastica, pietre) e possono verificare l’integrità del prodotto da ispezionare e la sua completezza.

Perché definisce le selezionatrici ponderali “il controllo che evita sprechi e rischi legali”?

Perché queste pesatrici in linea, scartando le confezioni che superano il peso dichiarato o non lo raggiungono, svolgono una duplice funzione: recuperare il prodotto erogato in eccesso ed evitare contestazioni legali; evitare il rischio di frode in commercio dovuta a mancanza di prodotto rispetto al dichiarato in etichetta.

Le selezionatrici ponderali Nemesis possono inviare un segnale per correggere rapidamente un errore della riempitrice, evitando spreco di materiale e costosi fermi-linea. La loro struttura solida e leggera richiede un consumo elettrico minimo rispetto ai competitor, mentre la varietà di accessori le rendono personalizzabili.

Oggi avete ampliato la vostra offerta nell’ambito dell’etichettatura, prevedete ulteriori sviluppi?

Che sia posta sull’imballo primario o sul pallet, l’etichetta è un veicolo di informazioni: quelle sul prodotto “dialogano” con il consumatore, quelle sui fardelli e i pallet sono essenziali per la logistica. E’ evidente quanto siano importanti, in questo processo, il ruolo dell’applicatore di etichette e quello dei sistemi stampa e applica.

Per questo la divisione Labelling di Nimax valuta le caratteristiche della linea e propone al cliente soluzioni efficaci per le esigenze attuali che però tengono conto delle possibili esigenze future. Oggi la nostra gamma di prodotti per questa parte del fine-linea è molto vasta e soddisfa le aspettative dei clienti, e la riprova è un’interessante crescita di fatturato.

Che cosa significa, per Nimax, anticipare le esigenze del cliente?

Nimax vuole offrire solo soluzioni efficaci ai propri clienti. Per questo lavora solo con brand leader come Domino, Loma e Nemesis e ha creato servizi complementari diretti a ridurre i costi e massimizzare l’efficienza. Il TestLab, per esempio, verifica il risultato dell’utilizzo di un sistema di codifica o di ispezione sul prodotto e fornisce al cliente dati molto utili.

Invece Line Strategy è una soluzione software e hardware modulare disponibile nelle versioni Smart, Business, Enteprise che permette di gestire una parte o tutta la linea produttiva. Le soluzioni tecniche e informatiche all’avanguardia adottate assicurano alti livelli di sicurezza ed estrema flessibilità di restituzione dati, aggregati a seconda che debbano essere analizzati dalla produzione, dal controllo qualità o dalla direzione strategica.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here