Soluzioni tecnologiche per un’industria alimentare sostenibile

979

Il Green Deal europeo assegna un ruolo centrale alla strategia denominata “From farm to fork (dall’agricoltura alla tavola)” che mira alla sostenibilità del settore alimentare europeo.

Secondo le stime, attualmente i sistemi alimentari producono gas serra per una percentuale pari al 20-40% delle emissioni totali, soprattutto a causa delle necessità di refrigerazione e conservazione degli alimenti deperibili. La principale fonte di emissioni è l’uso dell’energia ma anche la perdita di refrigeranti ad alto GWP (Global Warming Potential) contribuisce in modo rilevante. La strategia farm to fork mira a raggiungere la neutralità carbonica dell’industria alimentare entro il 2050.

Per sostenere questa strategia è nato Enough, un progetto nel quale 28 partner di 12 Paesi diversi lavoreranno per quattro anni per sviluppare soluzioni tecniche, finanziarie e politiche per concretizzare gli obiettivi del programma UE.  Il progetto – finanziato dal programma europeo di ricerca e innovazione denominato Horizon 2020 – vuole rendere disponibili soluzioni tecnologiche innovative complete e già pronte per essere adottate dalle aziende europee.

Il piano prevede di iniziare stabilendo una solida base di riferimento relativa agli anni 1990 e 2020 da usare come base per prevedere l’evoluzione delle emissioni del settore nel 2030 e nel 2050 tenendo conto di numerosi parametri come le dinamiche della popolazione mondiale, i cambiamenti climatici, l’uso di sistemi di energia rinnovabile, il comportamento dei consumatori e lo sviluppo tecnologico.

Disegnato il contesto, i ricercatori saranno in grado di individuare nuove pratiche efficaci per limitare le emissioni di GHG in ogni anello della filiera alimentare. Le soluzioni tecnologiche verranno poi presentate alle aziende in diverse località europee. Gli aggiornamenti sulle soluzioni e sui siti dimostrativi sono disponibili sul sito del progetto (https://enough-emissions.eu) disponibile in diverse lingue, tra cui l’italiano. Le attività dovranno terminare entro il 30 settembre 2025.