Come riciclare gli sfridi della pasta

72

I pastifici producono normalmente sfridi di pasta che possono essere macinati, quindi recuperati per evitare sprechi.

Per non compromettere la qualità della pasta prodotta, Antenore Visentin propone un impianto che trasforma tali sfridi in un prodotto con granulometria calibrata, con caratteristiche simili alla semola originale utilizzata. In particolare, il sistema rispetta la granulometria del prodotto e la sua curva granulometrica, con minima presenza di polveri fini, e nel processo di macinazione non si riscalda il prodotto.

L’impianto è composto da due gruppi di macchine collegate tra loro da una linea di trasporto pneumatico: una tramoggia di ingresso con prefrantumatore che riduce qualsiasi formato di pasta a dimensioni inferiori a 10 mm. La linea di trasporto pneumatico solleva il prodotto e lo trasporta sul laminatoio MCR, dove avviene la macinazione.

Il turbostaccio di controllo TS20.65 intercetta eventuali frammenti di maggiori dimensioni che tornano automaticamente in riciclo tramite la linea di trasporto in depressione. Un ventilatore garantisce il trasporto della semola prodotta ai silos di deposito.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here