Modifica dell’all.I della Direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

324

La Direttiva 2013/2/UE modifica l’all. I della Direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio. L’art. 3, punto 1, della Direttiva 94/62/CE reca la definizione di “imballaggio” e fissa una serie di criteri per identificare cosa possa essere considerato imballaggio e cosa non rientri in tale categoria. Gli articoli elencati nell’All. I della Direttiva sono esempi illustrativi dell’applicazione di tali criteri. Ai fini della certezza del diritto e di un’interpretazione armonizzata della definizione di “imballaggio” occorre rivedere e modificare l’elenco di esempi per chiarire ulteriori casi in cui la distinzione tra imballaggio e non imballaggio è imprecisa. La revisione risponde all’auspicio degli Stati membri e degli operatori economici di rafforzare l’applicazione della Direttiva 94/62/CE e di creare condizioni di parità sul mercato interno. Sono imballaggi: scatole per dolci; pellicola che ricopre le custodie di cd; buste a sacco per l’invio di cataloghi e riviste (contenenti riviste); pizzi per torte venduti con le torte, rotoli, tubi e cilindri sui quali è avvolto materiale flessibile (come ad esempio pellicola, fogli di alluminio, carta), eccetto i rotoli, i tubi e i cilindri parti di macchinari di produzione e non utilizzati per presentare un prodotto come un’unità di vendita; vasi da fiori da usare solo per la vendita e il trasporto di piante e non destinati a restare con la pianta per tutta la sua durata di vita; bottiglie di vetro per soluzioni iniettabili; grucce per indumenti (vendute con un indumento); scatole di fiammiferi; sistemi di barriera sterili (involucri, vassoi e materiali necessari per preservare la sterilità del prodotto); capsule per sistemi erogatori di bevande lasciate vuote dopo l’uso; recipienti di acciaio ricaricabili per gas di vario tipo, esclusi gli estintori. Non sono imballaggi: vasi da fiori destinati a restare con la pianta; cassette di attrezzi; bustine da tè rivestimenti di cera dei formaggi; budelli per salsicce; grucce per indumenti (vendute separatamente); capsule per sistemi erogatori di caffè, sacchetti di alluminio per caffè e bustine di carta per caffè filtro che si gettano insieme al caffè usato; cartucce per stampanti ncustodie per CD, DVD e videocassette (vendute insieme ai CD, DVD e alle videocassette); bustine solubili per detersivi; lumini per tombe; macinini meccanici (macinapepe ricaricabile).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here