Nuove modalità di ispezione in linea

331

Ridurre gli sprechi di prodotto e proteggere la redditività, garantire la sicurezza e la qualità del prodotto. Con i sistemi di ispezione a raggi X è possibile controllare gli alimenti e scartare direttamente in linea quelli non conformi

La sicurezza e la qualità di un prodotto sono fondamentali in ogni processo produttivo, ma richiedono un’attenzione particolare nel settore alimentare. Per alimenti e bevande i contaminanti sono un pericolo che può essere eliminato in tre modi: implementando procedure di prevenzione e controllo basate sul protocollo Haccp, come richiesto dalla normativa europea; adottando standard di certificazione come IFS, BRC, ISO 22000; utilizzando sistemi di ispezione non invasivi come setacci, barriere, metal detector e raggi X. In generale, tutti i sistemi di ispezione intervengono prima che il prodotto lasci lo stabilimento, quindi eliminano il rischio di richiamo dal mercato che comprometterebbe sia la redditività sia la reputazione di un marchio.

Tra i metodi di ispezione esistenti, quello a raggi X è il più innovativo. Si basa su un principio molto semplice: materiali estranei e alimenti assorbono le radiazioni in modo diverso. Rilevando queste differenze di assorbimento, i sistemi a raggi X individuano i corpi estranei. Possono essere posizionati a fine linea, sulle confezionatrici o al ricevimento delle materie prime. E non solo per individuare corpi estranei, ma anche per verificare forma e dimensione dei prodotti all’interno delle confezioni, peso o altre irregolarità come il riempimento incompleto o difettoso dell’imballaggio, deformazioni e crepe di una confezione o presenza di bolle d’aria.

Per maggiori approfondimenti in merito al funzionamento dell’ispezione a raggi-X, consultate la guida gratuita offerta da Mettler Toledo Ispezione a raggi-X – Molto più della semplice rivelazione di contaminanti.

Raggi X di ultima generazione

Individuando qualsiasi problema di integrità, i sistemi a raggi X più evoluti, possono verificare non solo la presenza di contaminanti, ma persino i cioccolatini male allineati all’interno di una scatola, per esempio, o il numero di barrette di cereali di ogni confezione.

Tra i sistemi di ispezione a raggi X spicca la serie X36 di Mettler Toledo, progettata in base ai feedback dei clienti e al know how maturato dall’Azienda. E’ in mostra a Ipack-Ima, allo Stand C45 – Pad. 02, dove i consulenti Mettler Toledo sono a disposizione per mostrarne il funzionamento e sottolinearne le potenzialità.

Scarica il biglietto gratuito per IPACK-IMA

Vista frontale della X36 Mettler Toledo

La serie X36 di Mettler Toledo è stata progettata per ispezionare prodotti confezionati di piccole, medie e grandi dimensioni: la serie rivela i contaminanti indipendentemente da dimensione, forma o posizione, eseguendo simultaneamente i controlli sull’integrità del prodotto. Si tratta di strumenti multifunzionali e sicuri. Multifunzionali perché garantiscono ispezioni di vario tipo anche su linee a elevata velocità. Sicuri perché gli operatori sono completamente protetti dalle emissioni dei raggi X da tendine blu prive di piombo poste agli ingressi del tunnel.

Molti sono i corpi estranei rilevabili, tra cui vetro, metallo, pietre, ossa calcificate e materiali plastici a elevata densità, anche con prodotti confezionati in fogli d’alluminio o pellicola metallizzata. Assieme alla verifica dei contaminanti, è possibile eseguire la misurazione del peso lordo e per zone e il conteggio degli oggetti in applicazioni a linea singola o multilinea. In un unico passaggio, a velocità di linea elevate, i sistemi a raggi X possono monitorare contemporaneamente anche i livelli di riempimento, individuare i contenitori danneggiati e verificare le chiusure. Inoltre sono adatti alla rivelazionevetro su vetro”, la più difficile, per la quale Mettler Toledo mette a disposizione sistemi a raggio singolo o doppio diviso, raggi combinati e angolati.

La X36 vista da un’altra prospettiva

La serie serie X36 di Mettler Toledo integra vari meccanismi di espulsione, la cui scelta dipende da molteplici fattori: ambiente di produzione, velocità del nastro, tipo, peso e dimensioni del contenitore. Ogni sistema di espulsione può essere dotato di verifica dello scarto, per garantire la raccolta del prodotto difettoso all’interno del contenitore degli scarti e verificare simultaneamente il corretto funzionamento del sistema stesso.

Disponibile con diverse opzioni di alimentazione, la macchina è sostenibile e igienica. La progettazione è conforme alle raccomandazioni EHEDG e NSF, e prevede un design a telaio tubolare, superfici inclinate per consentire lo scorrimento dell’acqua e accesso completo per la manutenzione e l’assistenza. I consumi sono ridotti, e alcuni modelli non richiedono nemmeno un sistema di raffreddamento, riducendo i costi e aumentando l’efficienza energetica. L’anima green è garantita anche dall’uso di acciaio inox più sottile, dal generatore di raggi X a bassa potenza, dai materiali riciclabili, dal display LED invece che CCFL e dalla riduzione dei componenti elettronici.

Scarica il biglietto gratuito per IPACK-IMA

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here