Confezionamento, robot collaborativi

1985
foto 1
Robot Kuka serie Quantec durante operazioni di picking e pallettizzazione

La collaborazione uomo/robot è una realtà consolidata, per Kuka, grazie all’evoluzione tecnologica e sensoristica.

Con i suoi robot tecnologicamente evoluti, Kuka è in grado di offrire soluzioni che distribuiscono, ottimizzandolo, il lavoro tra uomo e macchina. E’ possibile grazie all’evoluzione sensoristica, che permette di valorizzare le potenzialità del primo e delegare sulle seconde le operazioni particolari. Nell’industria alimentare, poter confidare su soluzioni di automazione intelligenti e flessibili può rappresentare la misura del successo di un’azienda, soprattutto se orientata all’esportazione. Per questo i robot ad alta efficienza, e soprattutto quelli dotati di telecamere, rappresentano il plus più importante della produzione alimentare al fianco delle confezionatrici con cambio formato automatico. Nel confezionamento degli alimenti, l’imballaggio manuale influisce negativamente sui costi dell’intera catena di produzione, con ripercussioni negative sulla competitività. La soluzione è l’impiego di robot capaci di aumentare la produttività e abbattere al contempo i costi. In questo campo Kuka è in grado di offrire soluzioni su misura per qualsiasi esigenza. Caricare e scaricare le confezionatrici, astucciare, etichettare, caricare sui pallet, allestire gli ordini: i robot contribuiscono ad aumentare l’efficienza di un’azienda, già nella fase di lavorazione.

foto 2
Operazioni di packing e order picking con KR 360-3. Il robot ha una portata di 360 kg e un raggio d’azione di 2825 mm

Ambienti freddi e polverosi
Le variazioni di temperatura sono una caratteristica del settore alimentare. Dover operare in ambienti ostili (surgelazione, refrigerazione, elevata umidità), per esempio, richiede l’impiego di macchine e attrezzature adatte a sopportare situazioni estreme senza perdite in termini di qualità. Con KR Quantec PA Arctic, per esempio, Kuka ha concepito una soluzione apposita per la pallettizzazione dei surgelati. Il robot può operare in modo affidabile nell’intero settore freddo senza bisogno di riscaldare i componenti meccanici. E’ completamente privo di involucro protettivo e non necessita di riscaldamento, offrendo potenziali di risparmio elevati rispetto alle tradizionali soluzioni con involucro protettivo ed eliminando le costose emissioni di calore all’interno della cella frigo. I robot sono dotati di un sistema che controlla tutto: movimenti, sequenze, processi e sicurezza, per un impiego efficace all’interno di un unico sistema intelligente. Sia che si tratti di comunicazione tramite bus di campo (Profinet, Profibus, Ethernet I/P, Devicenet, Ethercat) o Ethernet verso sistemi sovraordinati, la comunicazione non è mai un problema. In questo modo Kuka garantisce l’integrazione senza problemi all’interno delle infrastrutture esistenti, senza problemi con il comando degli assi supplementari o la sincronizzazione con i nastri trasportatori esterni. L’elaborazione delle immagini integrabile come opzione completa il pacchetto, soddisfacendo anche i clienti più esigenti. Grazie alla gestione energetica integrata, i robot Kuka sono a basso impatto ambientale. Il modello KR C4, per esempio, consente risparmi fino al 95% nei consumi energetici (modalità Eco). Ridotti sono anche i costi di manutenzione, grazie alla totale assenza di inserti filtranti. Il sistema passivo dello scambio di calore, con circolazione separata dell’aria all’interno e all’esterno dell’unità di controllo, garantisce una bassa manutenzione anche negli ambienti molto polverosi.

Software per confezionatrici
Utilizzare i robot senza essere esperti è facile e possibile, grazie al PLC Kuka mxA, rivolto in particolare ai produttori di confezionatrici. Questo software permette di collegare i robot ai singoli sistemi di controllo delle macchine. In modo semplice e veloce, è così possibile utilizzare i robot Kuka nell’ambiente di programmazione e controllo usuale facilitandone l’accettazione e minimizzando i costi per la formazione. FlexPal Editor permette invece di definire in modo semplice le configurazioni e le stazioni di pallettizzazione, così come le stazioni di carico/ricezione e slip-sheet. Basta premere un pulsante per generare il codice di programmazione specifico, accedendo facilmente anche ai minimi dettagli. Il sistema di visualizzazione è integrato, beneficiando di un unico fornitore per robot ed elaborazione immagini. VisionTech offre infatti potenti strumenti per il riconoscimento di oggetti 2D, il controllo qualità e riconoscimento OCR e di codici. Grazie alla telecamera con rivestimento IP67, il riconoscimento è efficace anche in ambienti difficili, consentendo la completa tracciabilità dei prodotti. ConveyorTech, infine, dirige la collaborazione tra robot e nastro di trasporto, per una movimentazione più efficiente e dinamica di qualsiasi prodotto, anche in applicazioni molto complesse.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here