Linee guida per pubblicizzare il cibo ai bambini

1686

Fotolia_27643377_L
La Robert Wood Johnson Foundation ha pubblicato le “Recommendations for Responsible Food Marketing to Children” documento che contiene una serie di prescrizioni per la pubblicità degli alimenti indirizzate ai bambini. I bambini sono molto sensibili ad alcune campagne di marketing ed hanno bisogno di essere protetti, soprattutto quando si tratta di cibi nutrizionalmente squilibrati. Le raccomandazioni della fondazione abbinano la pubblicità a precisi criteri nutrizionali, volti a diffondere, tra i più giovani, il senso della sana alimentazione. Se la CFBAI (Children’s Food and Beverage Advertising Initiative) considerava bambini le persone di età compresa tra due e undici anni, le nuove raccomandazioni alzano l’età fino a quattordici anni, partendo dal presupposto che i ragazzi tra i 12 e i 14 anni sono la fascia di popolazione più esposta e più sensibile alla pubblicità. Sono infatti più indipendenti dalla famiglia e forti fruitori di mass media.
Il CFBAI considera una pubblicità “indirizzata ai bambini” quando questi ultimi sono più del 35% del pubblico del programma che ospita gli spot o se il messaggio è spiccatamente rivolto ai minori. Le nuove raccomandazioni suggeriscono di abbassare la percentuale di audience al 25% e di considerare come “indirizzata ai bambini” qualsiasi attività di marketing che possa attirarne l’attenzione, indipendentemente dal media utilizzato. Oggi molte pubblicità enfatizzano il marchio e non si soffermano sugli aspetti nutrizionali. Le raccomandazioni sollecitano maggior attenzione in tal senso e suggeriscono di non fare campagne di marketing che abbiano come riferimento i bambini qualora gli alimenti pubblicizzati non siano nutrizionalmente equilibrati.