Impiego di antiossidanti nella salsiccia fresca non preconfezionata

2339

11561SFD2Rispondendo ad un quesito di una ASL di Milano e della Regione Lombardia, il Ministero della Salute ha fornito chiarimenti in merito alla possibilità di impiegare antiossidanti nella produzione della salsiccia fresca. Su questo, alcune Regioni ed ASL avevano assunto posizioni diverse, creando incertezza per le imprese, sanzionando e deferendo alcuni produttori all’Autorità giudiziaria. Il Ministero della Salute conferma che la salsiccia fresca deve essere classificata, secondo il Reg. n°601/2014/UE, tra le “preparazioni di carne cui sono stati aggiunti ingredienti diversi da additivi o sale”. Per queste carni è autorizzato, quanto basta, l’impiego di additivi ad azione antiossidante: acido acetico, acido lattico, acido ascorbico, acido citrico e sali dagli stessi derivati. Per l’impiego di tali additivi, il Ministero ha ribadito la non distinzione tra salsicce preconfezionate e sfuse. Tale distinzione permane, invece, per le carni macinate. L’impiego di antiossidanti è consentito solo nelle carni macinate preconfezionate.