La plastica compostabile si decompone in meno di ventidue giorni in un impianto di trattamento di rifiuti organici

401
Seedling certificato EN13432 di bustine di tè (carta/PLA) prima e dopo 22 giorni di compostaggio in un impianto di compostaggio industriale.

Un recente studio della Wageningen University & Research (WUR) dei Paesi Bassi ha analizzato il destino dei prodotti di imballaggio compostabili in un impianto di trattamento dei rifiuti organici industriali su larga scala.

I risultati mostrano che i prodotti certificati EN13432 testati si disgregano in un massimo di 22 giorni. Il progetto è stato commissionato dal Ministero olandese dell’economia e delle politiche climatiche (EZK). “Lo studio dimostra che gli oggetti testati hanno lo stesso tasso di disintegrazione e degradazione dei normali rifiuti organici o sono ancora più veloci. Abbiamo bisogno di più ricerche di questo tipo, condotte da istituzioni indipendenti e rinomate”, ha affermato François de Bie, presidente di European Bioplastics (EUBP).

L’obiettivo centrale dello studio è stato quello di raccogliere più dati empirici sulla questione se il tasso di disintegrazione dei prodotti compostabili sia sufficiente per essere compatibile con le attuali pratiche di trattamento dei rifiuti organici. In una prova di trattamento industriale dei rifiuti organici, è stata testata una serie di nove diversi prodotti in plastica composta da sacchetti per la raccolta dei rifiuti organici, vasi per piante, bustine di tè, tamponi per il caffè, capsule per il caffè ed etichette per la frutta.

“Abbiamo studiato il comportamento della plastica compostabile nell’attuale sistema olandese per il trattamento dei GFT (cioè dei rifiuti organici biodegradabili urbani separati alla fonte) e siamo giunti alla conclusione che i prodotti compostabili possono essere trattati bene con i GFT”, afferma Maarten van der Zee, co-autore dello studio.

Dopo il primo ciclo di trattamento dei rifiuti di soli 11 giorni, il vaso per le piante in PLA si è già completamente disintegrato. “Questo è molto più veloce della carta e della maggior parte della materia organica. Anche la buccia d’arancia e la buccia di banana (i materiali di riferimento) non si disintegrano completamente e hanno bisogno di più tempo” ha commentato de Bie.

“Anche la bustina di tè in PLA, che è un tipico prodotto di consumo, si è disintegrata con successo entro 22 giorni”. Lo studio ha analizzato anche la composizione dell’attuale contaminazione visiva delle plastiche convenzionali nel compost, e non sono state identificate plastiche compostabili tra le plastiche trovate nel compost. “L’importanza di questo risultato non può essere sopravvalutata”, sottolinea de Bie. “Tutti i soggetti coinvolti nell’attività di riciclo organico, siano essi gestori di rifiuti, industrie o legislatori, hanno ora la prova che la plastica compostabile certificata fornisce effettivamente i risultati”.

European Bioplastics accoglie inoltre con favore il fatto che l’Associazione olandese per la gestione dei rifiuti Vereniging Afvalbedrijven (VA) e l’Holland Bioplastics (HB), l’associazione che rappresenta l’industria olandese delle bioplastiche, abbiano definito congiuntamente le questioni di ricerca, che hanno fornito la base per l’avvio del progetto. Inoltre, VA ha selezionato e fornito la struttura di prova, mentre HB ha contribuito con i prodotti.

È importante che l’industria dei rifiuti e l’industria delle bioplastiche lavorino insieme. “In vista dell’imminente sviluppo del quadro di riferimento per le plastiche biodegradabili incluso nell’European Green Deal, chiedo gentilmente alla Commissione Europea di prendere in considerazione questi risultati della ricerca e di sostenere anche progetti di ricerca più simili”, ha dichiarato de Bie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here