XIBER Energy Solutions e CGT hanno presentato a Cibus Tec le tecnologie low carbon e a zero emissioni per la transizione energetica dell’industria alimentare

298

Le società del Gruppo TESYA tra le aziende espositrici dell’edizione 2023 del salone dedicato alle tecnologie per il settore alimentare e delle bevande. XIBER Energy Solutions e CGT, si presentano all’industria del settore Food & Beverage offrendo soluzioni multi-tecnologia e “chiavi in mano” per l’efficienza energetica e la decarbonizzazione.

L’industria alimentare è uno dei principali comparti del manifatturiero italiano che, al pari di altri, è chiamato a innovare pratiche e tecnologie per contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale dell’intero settore industriale, responsabile – complessivamente – del 22% delle emissioni di gas serra in Italia.

Per favorire il percorso di transizione energetica delle imprese del settore F&B, Il Gruppo TESYA – leader nella fornitura di servizi avanzati e soluzioni integrate B2B altamente personalizzate per diversi settori – ha scelto CIBUS TEC per presentare ai clienti industriali le proprie soluzioni multi-tecnologia e “chiavi in mano” per l’efficienza energetica e la decarbonizzazione, distribuite sul mercato dalle due aziende del Gruppo XIBER Energy Solutions e CGT.  

XIBER Energy Solutions, newco del Gruppo che ha da poco unito le proprie forze a Zanotti Energy Group (società specializzata nella consulenza, progettazione, installazione e “asset management” di impianti a fonti rinnovabili), presenterà il valore aggiunto derivante dall’implementazione delle sue soluzioni multi-tecnologia per l’efficienza energetica e la decarbonizzazione.

L’obiettivo di XIBER è accompagnare i clienti industriali nel percorso della transizione energetica, fornendo soluzioni multi-tecnologia (ad. esempio solare, sistemi di accumulo e pompe di calore) e chiavi in mano per l’efficienza energetica, il risparmio dei costi e la riduzione delle emissioni di CO2.

XIBER Energy Solutions ha già all’attivo diversi clienti in vari settori e calcola che le sue soluzioni di decarbonizzazione multi-tech possono ad oggi abbattere fino al 75% delle emissioni di un’industria non “hard to abate” – compensando poi le emissioni residue con meccanismi di carbon sink – garantendo al contempo una riduzione dei consumi energetici.

CGT, dealer Caterpillar dal 1934 e leader nel campo della co/trigenerazione a gas naturale e a biogas, presenterà alcuni progetti di efficientamento energetico dedicati alle aziende F&B. Nell’industria della pasta surgelata, ad esempio, l’impiego congiunto di cogenerazione, rinnovabili e, non da ultimo, di un sistema di monitoraggio basato sull’intelligenza artificiale, ha permesso di migliorare l’efficienza energetica del ciclo produttivo e di ridurre le emissioni di CO2 di circa 3.000 tonnellate all’anno.

Nella produzione dei formaggi ovicaprini, invece, un impianto di cogenerazione da 1,2 MW, uno dei pochissimi in Italia alimentati a GNL, permette di recuperare il calore di scarto e renderlo disponibile per il processo, riducendo i consumi e le emissioni (si stimano 1.400 tonnellate/anno di CO2 risparmiata).

Grazie ad un’offerta diversificata e integrata, il Gruppo TESYA può quindi accompagnare l’industria italiana nel lungo percorso di transizione energetica. Le aziende interessate a partecipare attivamente alla transizione energetica trovano infatti nel Gruppo TESYA un unico interlocutore per le proprie esigenze di efficienza energetica e decarbonizzazione: un partner in grado di gestire integralmente il processo, dalla diagnosi iniziale fino all’ottimizzazione in esercizio.

L’offerta del Gruppo TESYA, con CGT e XIBER Energy Solutions, combina diverse tecnologie e strumenti – come la produzione da energia solare, impianti di co/trigenerazione a gas naturale e a biogas, sistemi di accumulo e gestione dell’energia, impianti per la produzione di biometano, soluzioni per l’illuminazione efficiente, sistemi a pompa di calore, contratti per la fornitura di energia verde certificata, soluzioni per l’assorbimento delle emissioni residue – affiancando studio del processo produttivo, diagnosi energetica e inventario emissioni, il supporto alla definizione degli obiettivi di efficienza energetica e riduzione emissioni, fino a programmi di monitoraggio remoto, asset management e ottimizzazione produzione grazie a tecnologie Internet of Things e Intelligenza Artificiale.

Gli investimenti in soluzioni per l’efficienza energetica mostrano già oggi business case molto attrattivi con semplificazioni autorizzative importanti e tempi di ritorno dell’investimento ridotti (ad esempio 1-2 anni per sistemi di illuminazione efficiente, 4-7 anni per impianti fotovoltaici ecc): un trend che si riflette anche nei numeri, con gli investimenti nel mercato della decarbonizzazione che nel 2022 hanno registrato un incremento del 15% rispetto all’anno precedente.

    Richiedi maggiori informazioni










    Nome*

    Cognome*

    Azienda

    E-mail*

    Telefono

    Oggetto

    Messaggio

    Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*