L’automazione nel 2024: OMRON condivide 6 previsioni per il nuovo anno

339
OMRON at Hannover Messe 2022
Photo: (c) Martin Klindtworth – www.zentralfotograf.de

Gli sconvolgimenti degli ultimi anni ci hanno portati in una nuova era caratterizzata da forti rischi di natura geopolitica ed economica. Ciò ha spinto le aziende produttrici a ripensare i propri modelli di business in un’ottica di resilienza e flessibilità, oltre che a rivedere le proprie supply chain e relazioni globali.

Parallelamente, la pressione per integrare i principi ESG nei processi decisionali sta aumentando rapidamente. Allo stesso tempo, intelligenza artificiale, data science, digital twin e tecnologie di rilevamento, monitoraggio e visione si confermano sempre più come elementi essenziali per lo sviluppo di soluzioni di controllo e automazione in grado di aiutare il comparto manifatturiero ad affrontare questa nuova realtà.

In particolare, secondo OMRON, saranno sei le principali tendenze che influenzeranno e plasmeranno l’automazione industriale nel 2024 e oltre.

1: La produzione abbraccia il modello local-for-local

Le recenti carenze di approvvigionamenti hanno evidenziato la fragilità delle supply chain globali, spingendo molti produttori a mettere in discussione il senso di catene di fornitura lunghe e complesse, così come quello di una produzione delocalizzata. Di conseguenza, molte aziende stanno trasferendo e localizzando le proprie capacità produttive, in modo da proteggerle da eventuali crisi future e da ridurre la distanza dai clienti.

I produttori stanno cercando di attuare questo cambiamento di strategia con il supporto internazionale dei loro partner di automazione: richiedono soluzioni trasversali e versatili che possano essere replicate in diverse aree geografiche, ambendo a una produzione standardizzata che garantisca ai loro clienti lo stesso prodotto, indipendentemente dal luogo in cui viene realizzato. Ciò richiede forti investimenti in innovazione, un approccio congiunto e internazionale alla progettazione e una solida rete di system integrator.

2: La CX al primo posto

Le crisi di approvvigionamento hanno reso meno rilevante il ruolo del prodotto e del prezzo nella decisione di acquisto, amplificando l’importanza della prossimità e dell’esperienza per il cliente. Ciò sta cambiando il modo in cui i produttori si relazionano con i propri partner nel settore dell’automazione. Le aziende non vogliono più acquistare un “sistema”, ma una “soluzione” dove l’assistenza e il supporto hanno un valore maggiore rispetto al passato.

#3: Connettere OT e IT per ottimizzare i costi della produzione flessibile

Il concetto di produzione flessibile, in atto da alcuni anni, sta acquisendo sempre più importanza e consenso, e si sta evolvendo per permettere ai produttori di cambiare rapidamente rotta in caso di necessità. In quest’ottica, l’High-Mix Low-Volume (HMLV) Manufacturing ha raggiunto nuovi livelli di personalizzazione, in particolare nell’industria farmaceutica, e i flussi di lavoro flessibili che possono passare senza soluzione di continuità da un prodotto all’altro sono oggi una caratteristica della produzione localizzata. Tuttavia, la sfida principale della produzione flessibile è quella di diventare economicamente vantaggiosa.

Il collegamento sempre più forte tra il mondo OT ed IT sarà quindi una chiave indispensabile per ottimizzare i costi di progettazione e, nel 2024 e oltre, il digital twinning sarà ampiamente adottato proprio con questo scopo. Grazie alla tecnologia dei gemelli digitali, le aziende possono infatti riprogettare la produzione e testare le modifiche in un ambiente virtuale, riducendo non solo i tempi di sviluppo, ma anche i rischi, e allo stesso tempo ottimizzando i costi dei progetti.

“La tecnologia dei digital twin rappresenta una vera svolta per la produzione flessibile e ci aspettiamo che decolli davvero nel 2024. In previsione di ciò, stiamo arricchendo le nostre capacità di software e simulazione e stiamo stringendo collaborazioni per sfruttare le sinergie OT-IT”, afferma Fernando Colás, CEO di OMRON Industrial Automation.

4: Analisi dei dati per abilitare un processo decisionale sostenibile  

Oltre a utilizzare la realtà virtuale per ottimizzare i costi, i produttori si affideranno sempre di più al monitoraggio delle macchine nel mondo reale per semplificare e rendere più sostenibili le attività produttive flessibili e localizzate. I produttori di tutti i settori sono alla ricerca di una riduzione del consumo di materie prime e di energia, rivolgendosi agli automation provider per ottenere risposte. In fabbrica, l’acquisizione e l’analisi dei dati, insieme a sistemi di controllo ad alte prestazioni, potranno favorire notevoli miglioramenti in questo segmento, migliorando l’efficienza dei sistemi automatizzati.

5: L’attenzione alla sicurezza stimola l’ispezione automatizzata

Un’altra sfida che accompagna la produzione flessibile è il mantenimento degli standard di sicurezza e qualità. Infatti, più variabili ci sono nel mix di produzione, maggiore è la possibilità di errori e problemi. Sperimentando sempre maggiore attenzione da parte dell’opinione pubblica e avendo maturato la consapevolezza di come la propria brand reputation possa essere distrutta in un istante, le aziende considerano oggi la sicurezza più importante che mai. Ciò sta portando allo sviluppo di sistemi di ispezione automatizzati basati sull’intelligenza artificiale che garantiscono la sicurezza, l’integrità e la qualità di ogni singolo prodotto, anche in operazioni di dimensioni di un solo lotto.

6: L’IA continua ad essere un’opportunità decisiva

Anche se, nella vita di tutti i giorni, il potere dell’intelligenza artificiale potrebbe essere percepito come una minaccia, nel settore dell’automazione industriale rappresenta un’enorme opportunità, in gran parte ancora non sfruttata, per migliorare continuamente le prestazioni dei sistemi.