Ricerca

Fortificazione degli alimenti

3519

Prove di fortificazione di farine africane

Una possibilità per incrementare il tenore in elementi minerali degli alimenti presenti in Paesi in via di sviluppo, combattendo le relative carenze, è, come anticipato, quello di mettere a punto processi di fortificazione delle materie prime, in particolare cerealicole, da cui gli stessi alimenti originano. Il primo step è dunque quello di individuare quali potrebbero essere le matrici da arricchire, studiando in seguito semplici ed economiche tecnologie di fortificazione attuabili in tali Paesi. In seguito ad un nostro studio (Lambri et al., 2011), volto ad ottenere un biscotto dedicato alla popolazione infantile da distribuire in situazioni di emergenza alimentare, preparato seguendo linee guida ONU[1], è stata condotta una prova di fortificazione in magnesio di una miscela di farine di origine burundese. In vista dell’ottimizzazione nutrizionale e sensoriale del biscotto, tenuto anche conto dei potenziali fruitori, è stato scelto di svolgere il test su una miscela di farine di grano tenero, mais giallo ed elezine della composizione riportata in tabella 2, che dava origine ad un prodotto da forno di composizione più vicina alle indicazioni nutrizionali ONU e indicato come più gradevole da un panel di piccoli assaggiatori. La miscela di farine è stata posta, quindi, all’interno di una membrana permeabile di tessuto in forma troncoconica. Quest’ultimo è stato immerso in una soluzione di solfato di magnesio eptaidrato avente un titolo in magnesio pari a 2,5 g/L, e mantenuto in infusione per 24 ore a T di 20+2°C. Al termine del periodo di contatto, i campioni ottenuti, come riportato in figura 1, sono stati analizzati per determinarne il contenuto in micronutrienti (tabella 3). La fortificazione porta il contenuto medio in magnesio della miscela a valori di circa 122 mg/100 g. Pertanto, rispetto alla miscela non fortificata, tale minerale aumenta di oltre il 200%. Interessante è anche l’andamento degli altri micronutrienti analizzati (Ca e Fe). Il catione calcio non varia significativamente rispetto alla miscela non fortificata, mentre il ferro diminuisce per trasferimento alla soluzione circostante a causa della sua maggiore mobilità.

Conclusioni

I processi di fortificazione degli alimenti costituiscono un’opportunità da non sottovalutare, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove i cibi fortificati potrebbero non solo incrementare il valore nutrizionale della dieta, ma anche sostenere il consumo degli alimenti esistenti a livello locale.

Riferimenti Bibliografici

  • Balestrieri F., Marini D., Metodi di analisi chimica dei prodotti alimentari. Vol. 3. Monolite Editrice, Roma, 1996
  • Brown K. H., Hambidge K. M. Ranum P., Zinc fortification of cereal flours: current recommendations and research needs. Food and Nutrition Bulletin, 31, S62-S64, 2010
  • De Onis M., Frongillo E.A., Blössner M., Is malnutrition declining? An analysis of changes in levels of child malnutrition since 1980. Bulletin of the World Health Organization 78, 1222–1233, 2000
  • Lambri M., Riggio G., De Faveri D.M., Materie prime alternative da Paesi in via di sviluppo. Macchine Alimentari, ottobre, 28-32, 2011
  • Lindsay A., de Benoist B., Dary O., Hurrell R., Guidelines on food fortification with micronutrients. World Health Organization and Food and Agriculture Organization of the United Nations, 2006
  • Lutter C. K.,  Dewey G. K., Proposed Nutrient Composition for Fortified Complemetary Foods. Journal of nutrition. 133, 3011S-3020S, 2003
  • MMWR (Morbidity and Mortality Weekly Report, 57, 8-10, 2008
  • Official methods of analysis of AOAC International. Current Through Revision 1, 2006. Dr. William Horwitz Editor
  • Parravicini M.C., Materie prime alimentari, In calo la produzione mondiale. Macchine Alimentari, Maggio, 16-20, 2011
  • Prom-u-thai C., Rerkasem B., Fukai S., Huang L., Key factors affecting Fe density in Fe- fortified- parboiled rice. Parboiling conditions, storage duration, external Fe-loading rate and genotypic differences. Food chemistry 123, 628-634, 2010
  • Prom-u-thai C., Rerkasem B., Cakmak I., Huang L. Zinc fortification of whole rice grain through parboiling process. Food chemistry 120, 858-863, 2010
  • Tripathi B., Chetana, Platel K., Fortification of sorghum (Sorghum vulgare) and pearl millet (Pennisetum glaucum) flour with zinc. Journal of Trace Elements in Medicine and Biology 24, 257-262, 2010 

Milena Lambri, Arianna Roda, Giulia Riggio – Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-alimentare – Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza