Fitosteroli e fitostanoli, nuove valutazioni sui loro effetti benefici

4150

Per questi motivi fitosteroli e fitostanoli sono aggiunti con successo a vari alimenti da circa 15 anni, in un mercato sempre crescente grazie alla sensibilizzazione dei consumatori verso le problematiche legate a salute e alimentazione. Tra i prodotti alimentari fortificati con fitosteroli o fitostanoli lanciati con successo sul mercato fin dalla fine degli anni ’90 vi sono principalmente prodotti dairy quali margarine (spesso contemporaneamente caratterizzate dal ridotto contenuto di grassi), latte, yogurt e latti fermentati, formaggi, ma anche prodotti quali maionesi, condimenti per insalate (dressings), barrette ai cereali ricoperte di cioccolato, cereali da prima colazione, succhi di frutta e altre bevande, prodotti a base di carne e prodotti da forno (per esempio croissants e muffins). Pare che per ottenere una migliore biodisponibilità di fitosteroli e fitostanoli, sia importante che siano presenti in forma solubilizzata, pertanto l’incorporazione in alimenti liquidi o semiliquidi parrebbe la modalità di somministrazione più efficacie. Pare invece non essere discriminante la quantità di grasso presente nell’alimento prescelto. Per quanto riguarda la sicurezza d’uso di tali sostanze, visti anche i quantitativi ragguardevoli (vari grammi al giorno) necessari per ottenere l’effetto benefico, vi sono numerosi studi che confermano l’innocuità di fitosteroli e fitostanoli, anche se va precisato che non esistono al momento studi a lungo termine. Alcuni effetti negativi potrebbero consistere nel malassorbimento di sostanze lipidiche benefiche, quali per esempio i caroteni. Un’ulteriore problematica è rappresentata dai prodotti di ossidazione di fitosteroli e fitostanoli, potenzialmente tossici. La FDA (Food and Drug Administration) statunitense li ha comunque classificati nella più bassa categoria di rischio ovvero GRAS (Generally Recognized as Safe). Anche in Europa il loro impiego è stato non solo approvato ma è anche permesso associare la loro aggiunta ad alimenti con claim salutistici (normati dai Regolamenti EC 1924/2006 e 432/2012) relativi alla riduzione dei livelli di colesterolo, fatto molto importante per le aziende interessate a lanciare sul mercato questo tipo di prodotti. Nella recente opinion adottata il 26 aprile 2012 dall’ EFSA (European Food Safety Authority) viene riconfermata l’efficacia di tali sostanze.

Bibliografia

“Response to comments on the Scientific Opinion on the substantiation of a health claim related to 3 g/day plant stanols as plant stanol esters and lowering blood LDL-cholesterol and reduced risk of (coronary) heart disease pursuant to Article 14 of Regulation (EC) No 1924/2006”. Technical Report of EFSA, Supporting Pubblications 2012:333

T. Bacchetti, S. Masciangelo, V. Bicchiega, E. Bertoli, G. Ferretti. 2011. Phytosterols, phytostanols and their esters: from natural to functional foods – Review. Mediterranean Journal of Nutrition and Metabolism, 4(3):165-172

G. Garcìa-Llatas, M.T. Rodrìguez-Estrada. 2011. Current and new insights on phytosterol oxides in plant sterol-enriched food – Review. Chemistry and Physics of Lipids, 164:607:624

M. Majeed, L. Prakash. 2011. “Getting to the heart of the matter – Phytonutrients and nutritional interventions to support cardiovascular health and wellness”. Sabinsa Corporation white paper

K. Weiner. 2010. Configuring users of cholesterol lowering foods: A review of biomedical discourse. Social Science and Medicine, 71(9):1541-1547

N. de Jong, M.M. Ros, M.C. Ockè, H. Verhagen. 2008. A general postlaunch monitoring framework for functional foods tested with the phytosterol/-stanol case. Trends in Food Science and Technology, 19:535-545

Rita Lorenzini