ISIT a colloquio con il Ministro dell’Agricoltura

1820

Foto ISIT con Ministro Martina

Il Presidente dell’ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati), Nicola Levoni, assieme a una delegazione di Consorzi costituita dal Presidente del Consorzio Salame Cacciatore Lorenzo Beretta e dal Presidente del Consorzio Mortadella Bologna Corradino Marconi, ha incontrato qualche giorno fa al MIPAAF il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina per affrontare i principali temi d’interesse per la crescita del comparto e fare il punto della situazione sullo stato dell’agroalimentare italiano di qualitĂ , anche dal punto di vista legislativo nazionale e comunitario. Temi riconosciuti prioritari per la salumeria italiana tutelata sono l’internazionalizzazione dei prodotti e la conseguente necessitĂ  di un maggior accesso ai mercati esteri. L’export infatti, in particolare verso i Paesi Terzi, rappresenta sempre piĂą un mercato di sbocco dalle grandi potenzialitĂ , indispensabile oggi per le aziende produttrici, ma purtroppo, su certi mercati, ancora chiuso o comunque ostacolato da barriere tariffarie e sanitarie.  Le perdite commerciali dovute all’attuale situazione si possono prudenzialmente stimare in circa 250 milioni di euro/anno di esportazioni. La conclusione di vantaggiosi accordi bilaterali è dunque fondamentale per aiutare il comparto e le aziende italiane in questo momento di particolare difficoltĂ . L’incontro ha rappresentato anche l’occasione per ribadire al Ministro il ruolo sempre piĂą accreditato di ISIT, frutto del costante impegno profuso per lo sviluppo del settore, in costante sinergia con Enti e Istituzioni e confermato dalla rappresentativitĂ  che l’Istituto ricopre oggi per l’intero comparto dei prodotti tutelati: ISIT associa 14 Consorzi di tutela che rappresentano 20 di 37 salumi DOP e IGP (tutti i maggiori Consorzi), per un totale superiore al 52% dei volumi complessivamente certificati dal comparto, capaci di generare circa 2 miliardi di euro di valore al consumo. Il Ministro Martina ha definito come prioritaria una politica piĂą diretta e partecipativa delle associazioni di categoria dei singoli settori. Per quanto concerne le sinergie con l’Istituto, sono giĂ  stati pianificati alcuni momenti di incontro in cui condividere le prioritĂ  e definire le azioni piĂą urgenti da attuare.

Fonte ASSICA