Effetto del consumo di spezie sul diabete alimentare

1828

shutterstock_70304854
Alcune spezie, in particolare il rosmarino e l’origano sarebbero in grado di combattere il diabete alimentare di tipo II, quanto l’uso dei farmaci. Questo è quanto è emerso da uno studio condotto da alcuni ricercatori del dipartimento di scienze nutrizionali dell’università dell’Illinois, i quali hanno svolto un lavoro che è stato poi pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry. Dai risultati ottenuti è emerso come le spezie giochino un ruolo fondamentale nella prevenzione del diabete. Questa azione è provocata dai polifenoli e dai flavonoidi contenuti in queste spezie, i quali sarebbero in grado di inibire alcuni enzimi, chiamati PTP1B e DPP-IV, che giocano un ruolo fondamentale nella secrezione dell’insulina. In particolare sono stati confrontati gli estratti secchi e le spezie fresche, coltivate in serra e dai risultati ottenuti è emerso come gli estratti secchi commerciali siano più efficaci. Inoltre, le piante provenienti dalla Grecia e dal Messico sono risultate le più ricche di sostanze bioattive.