Estratti da scarti e sottoprodotti vegetali: caratterizzazione chimica, proprietà bioattive e utilizzo in alimenti

378

La tesi di dottorato ha riguardato lo studio di tecniche per l’estrazione di composti bioattivi da scarti e sottoprodotti della trasformazione agro-alimentare, caratterizzazione degli estratti ottenuti sia da un punto di vista chimico-fisico che per la loro attività antiossidante in differenti modelli di studio e messa a punto di metodi per il loro impiego in alimenti, rivolgendo l’attenzione alle problematiche correlate alla loro shelf-life.

Conclusioni e prospettive. I risultati di questo progetto di dottorato evidenziano l’utilità di valorizzare rifiuti e sottoprodotti delle lavorazioni del settore agroalimentare. In particolare, le foglie di olivo rappresentano una buona fonte di molecole in grado di soddisfare diverse azioni, sia negli alimenti che nei sistemi biologici. Inoltre, i composti fenolici rilevati in determinati scarti, come la buccia d’ananas, sottoprodotto nella produzione del succo, possono anche essere utilizzati per la loro attività antiossidante in diversi sistemi alimentari.

Bibliografia

PhD Graziana Difonzo, tutor Prof. Francesco Caponio – Prof.ssa Antonella Pasqualone – Università di Bari A. Moro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here