Biotecnologie per inserire geni di semi antichi in coltivazioni di grano e riso

1450

19017Secondo uno studio condotto dall’Università di Copenaghen e pubblicato dalla rivista Trends in Plant Science, utilizzare le biotecnologie per inserire geni di semi antichi in coltivazioni di grano e riso per re-inselvatichire le coltivazioni di grano e riso, inserendo i geni dei semi antichi andati perduti, consentirebbe di sfamare meglio il mondo, perché rinforzerebbe la resistenza ai cambiamenti climatici.

Secondo uno degli autori dello studio, le colture diventerebbero più resistenti alla siccità, al freddo, alle malattie e ai parassiti, divenendo anche più efficienti nell’assorbire nutrienti dal suolo.

La selezione dei semi iniziata dai coltivatori intorno al 7.500 A.C., principalmente basata sull’incremento della resa, ha indebolito la capacità di recupero e di resistenza delle coltivazioni.

La proposta del re-inselvatichimento delle colture potrebbe quindi incontrare minori resistenze rispetto alle colture ogm, perché non comporta il trasferimento di geni da organismi animali a organismi vegetali ma conferisce alle piante nuove proprietà che già in passato possedevano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here