Mais, test predittivi delle rese molitorie

2492

Sweet corn, genetic engineering

La durezza della granella influenza fortemente le rese molitorie del mais. L’identificazione degli ibridi più idonei richiede un numero limitato di test semplici, ma affidabili, in grado di predirne la cosiddetta resa in grits. Nel presente lavoro, 119 campioni di granella sono stati analizzati utilizzando differenti test: rapporto tra frazione grossolana e frazione fine (C/F), test di flottazione (FLT), contenuto proteico (PC), sfericità (S), energia di macinazione (TME) e peso ettolitrico (TW). La resa in grits (RG), ottenuta utilizzando una procedura di micromacinazione, è stata utilizzata per stabilire la capacità dei test nel predire l’attitudine molitoria. Tra i test confrontati, C/F, FLT e TME e, in misura minore, TW risultano buoni descrittori dell’attitudine molitoria. In particolare, è stato osservato che la capacità predittiva di RG è più elevata impiegando l’impiego combinato di 2 parametri, mentre l’utilizzo di 3 o più variabili non fornisce ulteriori vantaggi. Concludendo, gli autori evidenziano che un parametro derivato dalla macinazione della granella (C/F o TME), associato alla densità (FLT), mostra la migliore capacità predittiva della resa molitoria.

Bibliografia
M. Blandino et al., Tecnica Molitoria, 64, 2013, 192-199